CCEE Media Office

cceesites sites > Symposium 2017 > Articoli di: CCEE Media Office

L’accompagnamento e l’accompagnatore, oggi nel Simposio del CCEE sui giovani a Barcellona

29 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Comunicati stampa

Il Simposio sui giovani che si celebra dal 28 al 31 marzo a Barcellona, organizzato dal Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (CCEE), dalla Conferenza episcopale spagnola (CEE) e dall’arcivescovado di Barcellona, ha celebrato oggi il suo secondo giorno di lavoro. L’accompagnamento (nella sessione del mattino) e l’accompagnatore (nella sessione del pomeriggio) sono stati i temi trattati.
L’esperienza di essere accompagnati
Il Vice Presidente della CEE, il Cardinale Antonio Cañizares, ha presieduto alle ore 9.00 le Lodi con cui è iniziata la giornata di oggi.

Subito dopo, alle 9.30, si è svolta la prima sessione di lavoro dal titolo: I giovani e l’accompagnamento. Sono saliti sul podio Jona (Albania), musulmana convertita al cristianesimo, che ha detto tra l’altro: “Sono sicura che Gesù Cristo ha abbracciato ogni cuore umano, quelli che hanno vissuto nel passato, quelli che vivono oggi e tutti gli altri che vivranno in futuro”. Mate Szaplonczay (Ungheria), seminarista di rito greco-cattolico, ha sottolineato “l’importanza dell’ascolto. I giovani desiderano essere ascoltati e che gli vengano chieste le loro opinioni”, per questo hanno anche bisogno di buoni esempi e di un sostegno nella “creazione di gruppi parrocchiali e piccole comunità”. Sono intervenuti anche Carlota Cumella (Spagna), membro di un gruppo parrocchiale; e Simon Janssen (Olanda), della Comunità Emmanuel, il quale ha valorizzato che “l’amicizia mi ha aiutato a capire che anche se ero l’unico cattolico nel mio istituto, non ero solo: c’erano molti amici con cui sapevo che stavamo vivendo le stesse cose”. Questi quattro giovani, nella prospettiva dei diversi contesti europei di appartenenza, hanno offerto la loro riflessione sull’accompagnamento a partire dalla propria esperienza di essere accompagnati.
Successivamente ha avuto luogo una tavola rotonda sull’accompagnamento personale, un accompagnamento che deve continuare per tutta la vita. La sessione è stata presieduta da Mons. Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo. Nella sua introduzione ha detto che “questa è la missione che la Chiesa condivide con Cristo: aiutare le persone a salvarsi. Come vescovo, come sacerdote o come laico, devo lavorare per la salvezza delle persone che incontro e con le persone che Dio mi fa incontrare”. Al dialogo successivo hanno partecipato un responsabile per ciascuno dei settori coinvolti nel Simposio: Agnė Pinigienė (catechesi), Ernesto Diaco (scuola), Šimo Maršić (università), Paul Metzlaf (giovani) e Christopher Jamison (vocazioni).
La sessione del mattino si è conclusa con la celebrazione dell’Eucaristia, in cui abbiamo pregato in particolare per le vocazioni. Per questo motivo, la celebrazione è stata presieduta da Mons. Oscar Cantoni, vescovo di Como e presidente della Commissione CCEE per le vocazioni. Durante la celebrazione sono state presentate le testimonianze vocazionali di una religiosa e di un seminarista.

L’accompagnatore

Cosa è necessario per un buon accompagnamento? Come possiamo mantenerci aperti nell’accompagnamento, rispettando la libertà umana? A queste domande ha risposto, nella prima sessione del pomeriggio, Suor Lola Arrieta, carmelitana della Carità Vedruna e membro dell’équipe Ruaj. Nel suo intervento ha sottolineato che “i giovani non cercano l’accompagnamento, ma quando si va loro incontro, accettano il nostro accompagnamento e ne sono sorpresi: “non sapevo che si poteva condividere”… Se davvero trovano in noi dei testimoni, prima o poi riusciamo a dialogare con loro (…) “Emmaus è oggi il paradigma della Chiesa in uscita”, ha concluso.
Al termine di questa sessione, sono stati proiettati tre video che raccontavano rispettivamente l’esperienza di alcuni genitori dall’Inghilterra, la testimonianza dell’allenatore di una squadra di calcio portoghese, Fernando Santos, e quella di un responsabile Scout in Romania.
Le sessioni di lavoro si sono chiuse con i lavori di gruppo, divisi per lingua. Un momento per condividere esperienze e cercare insieme nuovi percorsi per affrontare l’accompagnamento.
Veglia di preghiera

La giornata di mercoledì si concluderà con una veglia di preghiera nella parrocchia di Santa Ana, prevista alle 19.45. Per l’occasione si uniscono a noi i giovani di Barcellona, ​​che sono gli organizzatori di questa celebrazione.

*****************************************

Informazioni per la stampa

Sala Stampa: è ospitata nella sala Pere Tarres del Seminario.

Briefing. Giovedi 30 marzo con i movimenti ecclesiali dei Focolari, Comunione e Liberazione, Salesiani ed Emmanuel.

KEEP READING

Inizia a Barcellona il Simposio sull’accompagnamento dei giovani

28 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Comunicati stampa

Barcellona è da questo pomeriggio la sede del Simposio organizzato dal Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (CCEE), dalla Conferenza episcopale spagnola (CEE) e dall’Arcivescovado di Barcellona per riflettere, discutere e approfondire il tema dell’accompagnamento dei giovani.

L’incontro, che durerà fino a venerdì prossimo, 31 marzo, riunisce 275 specialisti della pastorale giovanile, della scuola, dell’università, vocazionale e catechetica delle Conferenze Episcopali d’Europa. Sono accompagnati da 32 vescovi, di cui quattro sono cardinali.

“Camminava con loro (Luca 24,15). Accompagnare i giovani a rispondere liberamente alla chiamata di Cristo” è il tema generale del Simposio. Si svilupperà attraverso tre aree di lavoro: la persona accompagnata (che analizzeremo oggi), l’accompagnamento e l’accompagnatore (a cui sarà dedicata la giornata di domani). Giovedi si svolgerà uno scambio di esperienze sulle buone pratiche in materia di accompagnamento e una visita alla “Sagrada Familia”.

Sessione di apertura

La sessione di apertura si è tenuta presso l’aula magna del seminario di Barcellona, ​​con gli interventi del Card. Nichols, arcivescovo di Westminster e vice presidente del CCEEE, del Card. Cañizares, arcivescovo di Valencia e vice presidente della CEE e dell’arcivescovo di Barcellona, ​​Mons. Omella.

Mons. Omella ha dato il benvenuto a tutti i partecipanti “a Barcellona, ​​questa città aperta e cosmopolita”, per un incontro che si propone l’obiettivo di accompagnare: “Ecco una vera sfida. Accompagnare significa, in un certo senso, fare da “educatori” nel senso più profondo della parola educere: essere capaci di aiutare a far uscire da ognuno di coloro che accompagniamo il meglio di loro.

Subito dopo è stata data lettura del saluto del Card. Bagnasco, presidente del CCEE, che ha condiviso con i partecipanti alcune delle riflessioni che Papa Francesco ha pronunciato durante l’udienza ai capi di Stato la settimana scorsa: “Camminare insieme è possibile ed è la cosa più bella. Questo è necessario in un mondo sempre più globalizzato in cui separarsi significa perdere il cammino (…). Questo, che è vero per tutti i componenti della realtà europea, dovrebbe ovviamente iniziare dai giovani, che sono il futuro della vita”.

 

Il Papa Francesco ha inviato anche un saluto indirizzato al Arcivesco di Barcellona, Mons. Omella, nel quale incoraggia ai partecipanti del Simposio nella sua riflessione sulle sfide e l’accompagnamento dei giovani perche, attraverso il dialogo e l’incontro e come membri vivi della famiglia di Cristo, i giovani siano portatori convinti della gioia del Vangelo, a tutti gli ambienti”.

Il Card. Nichols ha ricordato in primo luogo che Europa non è solo l’Unione Europea. La CCEE include tutti i paesi d’Europa ed è bene ricordare, forse specialmente alla maggioranza dei giovani europei, che la esperienza di vita in Europa non è facile, non è confortabile, non è stabile per quelli che giungono in Europa dall’Oriente.

Da parte sua, il Card. Cañizares ha messo in luce come nella Chiesa “ci sentiamo spinti ad accompagnare i giovani all’incontro con Cristo che cammina con loro anche se non lo sanno o non lo percepiscono, e condivide il loro cammino”. Allo stesso tempo, ha detto che “i giovani hanno, nel cuore, un grande ideale, un irreprimibile anelito: che la vita sia qualcosa di grande e buono, che non delude”.

L’accompagnamento oggi in Europa
Dopo la sessione di apertura, abbiamo ascoltato il primo intervento, affidato a Mons. Jedraszewski, arcivescovo di Cracovia, e presidente della Commissione CCEE per Catechesi, Scuola, Università, con una presentazione dal titolo: Gesù nel cammino verso Emmaus – l’accompagnamento oggi in Europa.

Subito dopo, un gruppo di giovani dell’Arcidiocesi di Barcellona ha introdotto una presentazione multimediale sulle sfide, i problemi e le gioie dei giovani di oggi in Europa.

La giornata si è conclusa con la celebrazione dell’Eucaristia e dei Vespri presieduta dal Card. Vicent Nichols, Arcivescovo di Westminster.

*****************************************

Informazioni per la stampa

Nuova ubicazione. A partire da mercoledì, la Sala Stampa sarà ospitata nella sala “Pere Tarres” nel Seminario (la stanza accanto a quella utilizzata oggi).

Briefing. Mercoledì 29 marzo.

Alle 13.00 è previsto l’incontro fra i giornalisti e Raquel Pérez, responsabile dell’organizzazione per la CEE e direttrice del Segretariato delle Università della CEE. La Dr.ssa Pérez sarà presente anche al briefing.

KEEP READING

Life Teen

20 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Buone Pratiche

Life teen is a methodology of catechesis for teenagers in parishes that comes from USA, based in sessions of 4 parts (Life nights). 5 years ago arrived to Spain and now is in more than 30 spanish parishes and in different European parishes. Life Teen offers a methodology, trainings and a lot of resources. Their charisma is the inculturation in the teenage culture to lead teens close to Christ, and they really do it very well. All the Spanish parishes that are using it are really excited with the results and the changes they are experienced.

Jordi Massegú is the responsible for Spain, and during 11-12 march the European Life teen conference has been done in the Seminar in Barcelona with 200 participants. We think it’s a good and powerful tool to know and. USA is not Europe, but their teenagers are not so different than ours. And if in something the Catholic American Church is good is working on youth.

Information
Youth Delegation of Barcelona | CE Spain
http://www.lifeteen.es/
Contact Person during the Symposium:Jordi Massegú | Responsible Life Teen Spain
KEEP READING

Missão País (Mission Country)

20 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Buone Pratiche

In recent years, a number of university student movements have emerged which, while independent, are monitored by Catholic movements and organized into Catholic Student Groups (NEC: Núcleos de Estudantes Católicos) within the universities themselves. This phenomenon is most visible in the city of Lisbon, which in 5 years between 2011 and 2016 saw the increase of groups from 5 to 16. It was a way that Catholic university students themselves found to keep alive their Christian identity in academic space. From this they promote various actions, formal or informal, such as prayer times, Eucharistic celebrations, tertulias, social intervention actions, pilgrimages, among others.

These university movements come from an initiative that has involved hundreds of university students: the Missão País. This action comes from the initiative of the Apostolic movement of Schoenstatt and proposes to university students, at national level, missionary actions within the country. They began in 2003 with only 1 mission consisting of 20 young university missionaries, and in 2015 there are already 1,800 missionaries organized in 35 missions carried out at the national level. Since 2003, 154 missions have been carried out. These actions are, above all, the formation of Christian identity. Volunteer action is one of its aspects, but these missions go far beyond volunteering, they appear as an opportunity to educate young university students, future leaders of society, to Christian principles and their intervention in society.

Information
National Pastoral Service of Higher Education | CE Portugal
http://www.conferenciaepiscopal.pt/v1/
Contact Person during the Symposium:Eduardo Duque | Assistant of the National Pastoral Service of Higher Education
KEEP READING

National Vocations Framework

20 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Buone Pratiche

This is a national strategy approved by the episcopal conference to promote a culture of vocation throughout the country. This strategy is being carried out through a number of projects. One such project is entitled Called Beyond with training and resources for a parish that wants to celebrate a local vocations week.

Information
National Office of Vocations| CE England and Wales
www.ukvocation.org
@ukvocation
Documents 
Contact Person during the Symposium:Fr Christopher Jamison | Director National Office of Vocations
KEEP READING

Alpha Course Youth

20 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Buone Pratiche

Alpha course is a first announce methodology for teenagers and students that comes from the Anglican Church and now is in over the world. 5 years ago we discovered it and during this years we have used with the students in the university and in the high school, with lots of fruits in the team and in the youth. We could present our experience in 2 schools where the students and the Alpha course with university students in the night.

Information
Youth Delegation | Archdiocese of Barcelona
http://spain.alpha.org/
https://www.youtube.com/watch?v=QMBKIPc-Xfc
Contact Person during the Symposium:Héctor de Arriba | Youth delegate of Barcelona
KEEP READING

The strength of the community and the Catholic Sports Competition

15 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Buone Pratiche
The strength of the community in the construction of the kingdom

In Poznan we find the strength to build a community around the altar. The church has long figured out that attend Mass on Sunday is the most important. Therefore, we do not invent new forms, but together we pray and gather in the church, and there are born initiatives and ideas. We want everyone in the community was responsible for something. One for reading, one for the service, another for candles and incense. The others can help create a charity and care for the sick and elderly. Everyone does something and why we feel the joy of being useful.

Today at the Mass comes from 500 to 1,000 people. People know each other, communicate to each other with joy the sign of peace, therefore, the Mass is true.

That’s what we hear we are trying to realize that the Church was not closed, but in order to experience in everyday life, on the street. We feel joy that what we hear and what we pray for becomes reality.


Polish Catholic Youth Association

Spartakiada Zimowa is a name of nationwide polish competitions organised by Catholic Youth Association. Every year a different slogan is chosen, in 2016 year it was a quotation of saint Pierre George Frassati: „to live – not to vegetate”. It was not only about promoting healthy role of sports. Organizers also wanted to convince youth, that other activities, work, charity are really valuable activities as well.

Every year competitions are free of charge and participants can choose one or more from several category: skiing, snowboarding or „ride on just anything”, and in the last one both individuals and groups can participate – in this category creativity (not time) matters. 2016’s winners built an egg-vehicle, as an metaphor of life. During competitions there are also some games and quizes for spectactors.

Everything happens thanks to God and volunteers. A lot of helping hands from Catholic Youth Association take part in this modern evangelism connected with sport. Weather also seems to be on our side – few days before competitions there were six degrees Celsius, in a day before competitions the snow had fallen.

Information
CEP – Youth pastoral care | BC Poland
www.dawiniary.pl
https://www.facebook.com/mszaakademicka/
Contact Person during the Symposium: Bishop Damian Bryl  | Auxiliary Bishop of the Archdiocese of Poznan – Member of the Council for Family and of the Commission for Catholic Education of the Polish Bishop’s Conference
KEEP READING

Video “La Chiamata”

15 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Buone Pratiche

Dopo l’Anno della Vita Consacrata (30 novembre 2014 – 2 febbraio 2016), è stato prodotto un video clip intitolato “La chiamata”. Questo breve filmato è uno strumento pedagogico realizzato dalla Conferenza dei religiosi(e) di Francia, in collaborazione con il Servizio Nazionale Francese delle Vocazioni (SNEJV). Le finalità del filmato sono molteplici: provocare un’interpellanza e una prima riflessione, promuovendo dibattiti e proposte. Il filmato non dice tutto. Non è né un documentario né un insegnamento. È stato sperimentato con gruppi di giovani e con studenti delle scuole superiori così come con adulti impegnati nella pastorale dei giovani o vocazionale.

Il filmato consentirà, tra gli adulti, lo scambio di esperienze e dibattiti nella direzione di una cultura comune nell’ambito della pastorale dei giovani e delle vocazioni.

Per quanto riguarda i giovani, il film potrebbe essere proiettato sia per avviare una sessione sia a conclusione della stessa, oppure in un momento più contemplativo durante una veglia di preghiera.

Questo video è stato concepito per essere uno strumento da integrare in una possibile attività e potrebbe essere anche inserito in un progetto più ampio nell’ambito di una pastorale delle vocazioni con l’obiettivo di sviluppare una “cultura della chiamata e dell’interpellanza”.

La sessione delle domande, articolata in 4 momenti interrelati tra loro, potrà aiutare il responsabile ad animare il gruppo.

Information
Servizio Nazionale per l’evangelizzazione dei giovani e per le vocazioni  | CE Francia
http://www.jeunes-vocations.catholique.fr/
https://www.youtube.com/watch?v=HG2twRVBcrE
KEEP READING

Centro giovanile-vocazionale „Tre compagni”

10 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Buone Pratiche

Centro francescano della pastorale giovanile-vocazionale „Tre Compagni” della Provincia dei Frati Minori di Katowice in Polonia offre l’accompagnamento ed informazione sulle possibilità di fare un cammino di fede nello spirito di San Francesco e di Santa Chiara d’Assisi. La proposta e’ dedicata ai giovani (adolescenti e giovani adulti) sia quelli vicini alla Chiesa sia quelli già un po’ lontani dalla communità ecclesiale. Accanto alla formazione dei giovani si offre un iter formativo ad altri agenti di pastorale giovanile (laici, frati, suore, sacerdoti, chierici, catechisti, leader dei vari gruppi e movimenti). Per la realizzazione di questi scopi si utilizzano varie metodologie pedagogiche dell’accompagnamento qualificato, concentrandosi sulla presenza tra i giovani e con i giovani, attraverso vari incontri di preghiera, formazione, pellegrinaggi, divertimento etc. Uno spazio specifico viene dedicato al processo del discernimento vocazionale. Aiutiamo a scegliere la propria vocazione alla vita e alla santità mostrando il valore e significato di ogni tipo di vocazione alla vita nella famiglia, alla vita consacrata, al sacerdozio. In questo caso ci serviamo del nostro programma: „Sette passi del discernimento vocazionale” . Le nostre attività si possono seguire tramite il servizio di media sociali.

Information
CEP – Catholic Education | BC Poland
www.trzejtowarzysze.pl
FB: https://www.facebook.com/FCMP-Trzej-Towarzysze-189855137703221/
Contact Person during the Symposium: Bishop Damian Bryl  | Auxiliary Bishop of the Archdiocese of Poznan – Member of the Council for Family and of the Commission for Catholic Education of the Polish Bishop’s Conference
KEEP READING

Creating an ambiance in a Catholic university for vocational discernment

10 marzo 2017 |by CCEE Media Office | 0 Comments | Buone Pratiche

The worldwide study on “Youth cultures in catholic universities” conducted by the Federation in 2013 covered over 17,000 students in 55 universities from 35 countries in the world and revealed, among others, that students perceive the university as a course provider allowing them to prepare mainly for their professional lives. A consequence of this so-narrow image of a Catholic university is that the influence of Catholic ideals as well as the university campus minister on students is incredibly tiny.

Aware that some inspiring models of campus minister can be found among Catholic universities around the world and that thorough attention has to be paid to this issue, IFCU is about to launch a project aiming at creating an ambiance that nurtures the inner ethical and spiritual dimensions in students from Catholic universities where the “customer-provider” vision prevails in a great manner. IFCU wishes to contribute to the formation of holistic human beings that care for society and for their fellows.

Information
International Federation of Catholic Universities (IFCU) | International Organisation
www.fiuc.org
https://www.facebook.com/fiuc.ifcu

Contact Person during the Symposium: Ms. Montserrat Alom  | International Research Chief
KEEP READING
Pagina 1 di 212